Charter Arms Pitbull cal. 9×21 Imi, la prova a fuoco

Charter Arms Pitbull è un revolver camerato nel calibro preferito dagli italiani, il 9×21, con canna da 6 pollici. La particolarità di questo revolver è che la canna lunga è abbinata a un telaio small a 5 colpi. Charter Arms è un produttore di revolver statunitense nato nel 1964.

Il tamburo ha un estrattore stellare dotato di pistoncini indipendenti destinati ad agganciare il fondello di ogni singolo bossolo che notoriamente è rimless, cioè privo di orlo.

Non abbiamo il sottocanna a protezione dell’asta dell’estrattore, mentre il mirino è a lama integrale alla rampa, avvitato alla canna. La tacca di mira è regolabile micrometricamente. Entrambi non hanno riferimenti bianchi.

Lo scatto ad azione mista comprende un grilletto dotato di solchi anteriori antiscivolo e spigoli ben arrotondati. Al grilletto è collegata la transfer bar: si tratta di un traversino che solo a grilletto completamente premuto s’interpone tra la faccia del cane e la coda del percussore per trasferire l’energia cinetica fornita dal cane al percussore stesso, posto all’interno del castello.

L’impugnatura in lega leggera è ricoperta da guancette in neoprene. Il Charter Arms Pitbull è perfetto per il tiro informale in poligono, nel tiro mirato a 25 metri. Paganini di Torino lo propone a circa 700 euro. Lo abbiamo messo alla prova al Tsn di Galliate (NO).

Guarda i video di altre prove di arma corta: clicca qui.