Dissequestro delle carabine Zastava: udienza dal gip

Dissequestro delle carabine Zastava, udienza dal gip

Nuovo passaggio per il dissequestro delle carabine Zastava M76: udienza dal gip il 29 ottobre. Ferrari: «Siamo pronti, dal punto di vista tecnico e giuridico, ad affrontare serenamente la discussione».

È una questione che si trascina da un lustro tra le varie aule di tribunale: dopo le prime richieste di dissequestro delle carabine Zastava M76 (previa modifica) si era giunti all’auspicata definizione dell’iter che portasse a restituire le armi ai legittimi proprietari. Da ultimo il gip di Brescia ha ritenuto di “sentire le parti in contraddittorio tra loro ai fini del decidere” e ha fissato un’udienza per il 29 ottobre prossimo.

Ferrari: “Bene discuterne davanti a un giudice”

«Di solito queste udienze hanno luogo davanti al Tribunale del Riesame, in una fase precoce del procedimento» spiega l’avvocato Ferrari, consulente legale e collaboratore di armi Magazine e difensore di tre gruppi di interessati associati all’Auda. «Qui ne discuteremo dopo anni e dopo che un giudice ha già sancito in più occasioni che le Zastava M76 sono solo da modificare ma restano armi comuni da sparo. Quindi» prosegue «non vanno per forza confiscate e distrutte. Probabilmente il parere dei pm non va in tale direzione».

Prima di iniziare questa vertenza Ferrari avvisato tutti i gli aderenti che il fine ultimo non sarebbe stato di facile conseguimento: «improbabile che la magistratura inquirente cambi parere, nonostante l’esito del processo penale. I fatti mi danno ragione» nota. «Però nel frattempo i numeri sono cambiati: ora ci sono una decina di studi legali coinvolti, per tanti possessori. Questo mi fa piacere: significa che molte persone non ci stanno a passare per detentori di pericolose armi da guerra, dopo averle comprate in armeria con licenze valide e pagando soldi buoni. Noi siamo pronti, dal punto di vista tecnico e giuridico, ad affrontare serenamente la discussione. Non mi sono mai piaciuti i cavilli e le manovre dilatorie» chiude. «Meglio discuterne davanti a un giudice, poi vada come deve andare. Di tempo ne è passato anche troppo».

Scopri le news, gli approfondimenti legali e tutti i test di armi su Armi Magazine.