Mercato delle armi negli Stati Uniti: crescita costante

Mercato delle armi negli Stati: bandiera degli stati uniti sormontata da munizioni che compongono la scritta Usa
© alexkich / shutterstock

Il mercato delle armi negli Stati Uniti continua a fatturare come mai negli armi passati. L’osservatorio Nasgw ha diffuso i dati della settimana a cavallo tra settembre e ottobre 2020.

Si avvicinano le elezioni presidenziali, da sempre acceleratore di processi, e il mercato delle armi negli Stati Uniti seguita a macinare numeri record. Nella settimana a cavallo tra fine settembre e sabato 3 ottobre il settore armiero ha fatturato 76.419.988 dollari, più in meno in linea con il rilevamento precedente. Resta evidente la crescita sul 2019 (47.507.448 dollari, +60,86%) e sulla media dell’ultimo triennio (46.099.983, +65,77%). Il conto gennaio-settembre sale a 2.777.985.547 (+72,15% sul 2019, +49,02% sulla media 2017-2019).

Nel comparto munizioni il raffronto complessivo anno su anno resta a tre cifre. I 6.239.542 dollari dell’ultima settimana (+69,92% sui sette giorni) portano al +103,95% la crescita rispetto al 2019: 243.876.484 dollari il fatturato provvisorio del 2020. L’ordine di grandezza coinvolto lo racconta bene la media triennale di 136.624.493 dollari, rispetto ai quali il mercato è cresciuto del 78,5%.

Numeri decisamente positivi anche per il mercato delle ottiche. In sette giorni si sono spesi 4.095.628 dollari, l’87,56% in più rispetto ai 2.183.602 del 2019; i primi tre quarti del 2020 valgono 115.336.982 dollari, +72,15% sull’anno scorso.

È lecito attendersi una tendenza ancora più pronunciata via via che ci si avvicina al 3 novembre – e i dati ufficiali arrivano sempre un paio di settimane dopo. Agli appassionati di armi quanta paura fa un democratico alla Casa Bianca?

Scopri le news, gli approfondimenti legali e poi tutti i test di armi su Armi Magazine.