Pedersoli Indoor shooting experience, divertirsi con l’avancarica – video

pedersoli indoor shooting experiece

La Pedersoli Indoor shooting experience (Ide) è una nuova esperienza di tiro che completa quella svolta in poligono con la polvere nera: rielabora il concetto del tiro con carica ridotta e rappresenta un nuovo orizzonte per la propria passione.

La Indoor shooting experience elaborata ormai da qualche anno da Pedersoli (www.davide-pedersoli.com) è una delle tante interpretazioni del tiro cosiddetto “ridotto” e una perfetta sostituta per la pratica domestica del tiro ad avancarica. L’abbiamo provato con una pistola Le Page Target.

Il tiro ridotto

Il concetto alla base della Pedersoli Indoor shooting experience è semplice e s’ispira a un’intuizione antica quanto il tiro; un tempo, veniva chiamato tiro da sala.

Se eliminiamo la polvere nera, sostituiamo un innesco più potente a quello standard e alla palla in piombo una più leggera, riduciamo la gittata dell’arma e possiamo sparare anche in contesti chiusi.

E ciò sia per scopi ludici sia per un vero e proprio allenamento in vista di competizioni che ci vedranno poi impegnati ad altre distanze.

Possiamo quindi lavorare sullo scatto e sulla respirazione, momenti essenziali per migliorare le prestazioni; ma pure sul potenziamento muscolare, sulla tenuta in gara e sull’allineamento degli organi di mira, migliorando la familiarità con l’arma.

L’attrezzatura

Per sviluppare questa esperienza, Pedersoli ha previsto l’impiego di un luminello modificato, che accetta gli inneschi tipo 209, che sostituisce quello utilizzato per il tiro regolamentare con la polvere nera. Il luminello di conversione consta di due parti: quella inferiore, che viene avvitata all’arma, funge da porta innesco; la parte superiore chiude il sistema e porta il percussore.

Se l’innesco 209 fa ancora riferimento allo standard commercializzato un tempo da Winchester e oggi introvabile alle nostre latitudini, può venire rimpiazzato da quelli prodotti per esempio da Fiocchi, che a catalogo ha quattro varianti di diverso potenziale.

L’arma, che andrà manipolata come conviene a uno strumento ad avancarica, sarà tradizionalmente caricata dalla volata con un proiettile idoneo, in polimero, avvolto in una pezza. Appoggiato l’innesco nella sua sede e avvitato il percussore, sarà pronta a fare fuoco.

Considerazioni sulla sicurezza…

Se, pure, l’energia sviluppata dal solo innesco 209 è molto inferiore a quella dell’arma caricata con la polvere nera, il proiettile in polimero porta con sé una discreta energia cinetica e una tendenza al rimbalzo.

Ecco quindi che diventa essenziale sparare in sicurezza, in contesti controllabili e con senso di responsabilità. Saranno indispensabili degli occhiali e un supporto, dietro al bersaglio, in grado di accogliere il proiettile o favorirne la frammentazione.

Quanto a questo, la stessa Pedersoli ha provveduto alla realizzazione di un porta bersaglio che funziona perfettamente allo scopo.

… e sull’arma

La seconda osservazione va riferita all’arma da impiegare. Anzitutto è opportuno limitarsi alle armi corte, in quanto la lunga canna di fucili e carabine andrebbe a disperdere per l’attrito interno massima parte dell’energia.

Tra le pistole sceglieremo quelle a percussione in calibro .36, .45 e .50 così da sfruttare le palle nei diametri di .38, .44 e .50” sfruttando pezze adeguate per spessore e diametro.

In questa categoria rientra una bella fetta della produzione Pedersoli a percussione, che potrà essere adeguata al tiro ridotto con la semplice sostituzione del luminello.

Il kit completo

L’azienda gardonese offre però anche un kit completo composto da una pistola Kentucky, luminello ordinario, luminello di conversione, pezze e palle. Per gli inneschi, basterà chiedere in armeria: sono comunemente diffusi e 100 pezzi costano una cifra intorno ai 3 euro.

Infine, qualche considerazione la meritano i proiettili in polimero, frangibili ma indeformabili; hanno una massa di 26, 49 e 52 grani rispettivamente nei tre calibri disponibili, a fronte di una massa di 71, 131 e 136 grani delle rispettive versioni in piombo.

Nel video qui sotto potete vedere la nostra prova della Pedersoli Indoor shooting experience compiuta dal direttore editoriale di Armi Magazine, Matteo Brogi. Sul numero di gennaio 2021 di Armi Magazine trovate l’articolo completo.

Tutto l’occorrente per praticare l’Indoor shooting experience è disponibile sulla pagina dedicata del sito della Davide Pedersoli.