Sicurezza urbana e polizia locale, vigilanza privata pronta a collaborare

sicurezza urbana: guardia giurata di spalle
© Africa Studio / shutterstock

Maria Cristina Urbano (Assiv) rinnova la disponibilità degli istituti di vigilanza, pronti a collaborare con le forze di polizia nell’ambito della sicurezza urbana.

«La vigilanza privata è pronta ad assumere i compiti derivanti dall’impiego in ambito di sicurezza urbana a supporto delle forze di polizia, anche locale». Maria Cristina Urbano, presidente Assiv, ha parlato chiaramente ai deputati durante l’audizione in commissione Affari costituzionali. In questi gironi la Camera sta analizzando una serie proposte di legge sul tema.

La collaborazione degli ultimi anni tra autorità pubbliche e settore privato ha già dimostrato che la sinergia è possibile, a vantaggio della sicurezza comune. «Il raggio d’azione delle guardie giurate, oggi limitato al controllo indiretto del territorio, potrebbe essere proficuamente messo a sistema» ha sottolineato Maria Cristina Urbano. Di fatto ciò avviene già negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie. Gli istituti privati, ricorda l’Assiv, offrono «le massime garanzie per professionalità e qualificazione». La formazione delle guardie giurate è rigorosa e le prefetture vigilano sul loro operato.

Gli istituti di vigilanza sono stati al centro della discussione parlamentare anche nelle scorse settimane: il decreto agosto convertito in legge ha modificato la disciplina per la nomina a guardia giurata.

Scopri le news, gli approfondimenti legali e poi tutti i test di armi su Armi Magazine.