Tiro a volo in zona arancione, i chiarimenti della Fitav

tiro a volo in zona arancione: cartello blu che rappresenta tiratore di trap
© patrimonio designs ltd / shutterstock

La Fitav spiega come sia disciplinato il tiro a volo durante i giorni di zona arancione nazionale.

Il tiro a volo nei giorni di zona arancione nazionale (28, 29 e 30 dicembre 2020, 4 gennaio 2021) è consentito “a tutti [gli atleti] senza differenza di categoria”. Lo chiarisce la Fitav con una nota ufficiale. Nei giorni compresi tra Natale e l’Epifania non sono in programma gare nazionali e internazionali né dunque allenamenti direttamente connessi. Sono pertanto consentite le attività amatoriali, nel rispetto dei protocolli federali e di tutte le disposizioni.

Chiaramente ci si può spostare solo all’interno della regione in cui si vive. Se i suoi documenti dimostrano che si sta muovendo all’interno dei confini comunali, il tiratore non ha bisogno di autocertificazione. L’autocertificazione è invece necessaria per chi:

  • è domiciliato in un Comune diverso da quello di residenza e vuole raggiungere un campo nel Comune in cui vive;
  • non ha un campo di tiro disponibile nel proprio Comune. In questo caso si deve dichiarare che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative”, specificare “attività sportiva amatoriale”, indicare l’indirizzo del campo come destinazione e precisare che nel Comune di residenza non esistono impianti sportivi ove svolgere l’attività.

Scopri le news, gli approfondimenti legali e tutti i test di armi sul portale web di Armi Magazine.