Zastava M76: tempi certi e questioni aperte

Zastava M76 tempi certi e questioni aperte

Nuova udienza sul caso Zastava M76.

Prosegue l’affaire Zastava M76 davanti al gip del Tribunale di Brescia. Altra udienza, altri scontri, altre aperture. Iniziamo dalle notizie positive.

Come aveva preannunciato nell’udienza di fine ottobre, il giudice ha fissato un termine finale. Chi vuole provare a riavere la carabina ha tempo fino al 20 febbraio 2021 per attivarsi. Consiglio di farlo con ampio anticipo: le domande vanno gestite, redatte e depositate entro i termini. Non basta un giorno o due per farlo. Siamo ovviamente a disposizione per fornire tutte le informazioni del caso.

I dissequestri potranno prendere un doppio binario. La perizia a suo tempo disposta dai pm bresciani aveva stabilito che numerose armi non potevano sparare a raffica (la maggior parte, invece, sì). All’udienza di ieri il giudice ha prospettato la possibilità – per queste sole armi – di un dissequestro light (senza eseguire le modifiche sull’arma) e ha fissato un’apposita udienza al 28 gennaio 2021. Da lunedì saremo al lavoro su questo specifico ramo del procedimento.

Per tutte le altre carabine, circa l’80% del compendio in sequestro, prosegue il braccio di ferro con la procura di Brescia che esige l’applicazione della circolare ministeriale sulla demilitarizzazione. L’intenzione è rendere difficili o impossibili gli interventi, o ritardarli. Il parere contrario delle difese e del Banco di prova non fa presa. Si è arrivati a dire che il Bnp avrebbe un interesse nella vicenda – indi non sarebbe imparziale – in quanto teme di subire una azione legale (civile?) perché a suo tempo non si accorse del “difetto”. A mio personale parere siamo oltre la fantasia. In ogni caso è stato fisato termine al 28 febbraio 2021 per il trasporto delle armi a Senigallia: il giudice ha impartito tale ordine alle questure, che ora dovranno ottemperare visto che molte ancora hanno in deposito le armi.

Non sono in discussione – ovviamente per chi si è attivato – la fattibilità e la legittimità del dissequestro, ma solo le sue modalità pratiche e attuative. L’esame di tutte le questioni che restano in sospeso avverrà in altra udienza, fissata all’11 marzo 2021. Il giudice dovrebbe riservarsi di emanare la decisione che chiuderà questa lunga vicenda dei dissequestri.

Scopri le news, gli approfondimenti legali e tutti i test di armi sul portale web di Armi Magazine.