Colt Python, il ritorno di un revolver classico

Colt Python, il ritorno di un revolver classico
(foto tratta dal profilo Instagram di Colt)

Torna sul mercato un revolver classico: Colt inaugura il 2020 con una nuova interpretazione del Python.

L’attesa è finita, annuncia Colt, perché le prime ore del 2020 portano con sé la ricomparsa di un revolver classico. Torna infatti sul mercato il Colt Python che dagli anni Cinquanta alla fine del secolo scorso ha lasciato un segno indelebile sul mercato e nello spirito dei collezionisti. La sua ricomparsa era stata implicitamente anticipata dalla nuova serie Snake che Colt aveva rilanciato circa un anno fa.

Costruito con tecnologie moderne, questo revolver .357 Magnum a doppia azione sfodera un fusto più solido, in acciaio inossidabile, e mire ridisegnate. Quella frontale è facilmente sostituibile. Corredato di impugnatura in noce, il Colt Python è alimentato da un caricatore da sei colpi.

Si può scegliere tra due diverse lunghezze di canna, 108 e 152 millimetri. All’aumento delle dimensioni della canna, la lunghezza complessiva del revolver sale da 248 a 292 millimetri. Non cambiano però il passo di rigatura sinistrorso, 1:14 con l’alternanza di sei pieni e vuoti, e la volata svasata verso l’interno. Dal peso di 1.190 o 1.305 grammi a seconda della lunghezza di canna, il nuovo Colt Pyhton sarà venduto a 1.499 dollari.