Home Trend Abbigliamento Ares Gtx, la nuova generazione di combat boot by Crispi

Ares Gtx, la nuova generazione di combat boot by Crispi

5/5 (1)

ARES GtxLeggerezza, evoluzione, innovazione e tecnologia, sono i quattro concetti essenziali che caratterizzano gli Ares Gtx di Crispi, progettati per ottenere la massima agilità e fluidità nei movimenti in ambiente operativo tattico. Guarda il video.

Sono due i colori disponibili e quattro le versioni degli scarponi tattici Ares Gtx (8.0 e 6.0). La tecnologia Crispi WFW (Wrapping Framework) protegge lo scarpone da urti esterni; aumenta, inoltre, la traspirazione del piede grazie alle breathable areas (zone traspiranti). Il sistema di allacciatura Wrapping Fastening System garantisce, invece, un perfetto posizionamento del piede e una sicura fasciatura anatomica, nonché un eccellente supporto strutturale in fase di camminata.

Schmidt und Bender PolarT96

Una calzatura dall’innovativo contenuto tecnico non può non offrire massima impermeabilità e comfort climatico. Per questo gli Ares Gtx sono realizzati con fodera interna Gore-Tex Extended Comfort Footwear che assicura entrambi i requisiti. La tomaia è in camoscio idrorepellente (coyote) e tessuto ad alta tenacità. Il sottopiede a struttura differenziata con inserto antitorsione protegge ulteriormente la camminata, anche su terreni particolarmente ostili.

La soletta estraibile Cambrelle + Carboni Attivi + Feltro facilita lo sforzo sull’arco longitudinale, sul tallone e sul metatarso. La calzatura è strutturata per offrire la massima protezione del malleolo. La suola Vibram con intersuola ammortizzante su disegno esclusivo Crispi completa il bagaglio tecnico degli Ares Gtx.

Gli Ares Gtx 6.0 pesano 510 grammi e sono disponibili dal numero 37 al 47; gli 8.0 pesano, invece, 565 grammi e sono disponibili sempre dal numero 37 al 47.

Valuta questo articolo!

Articolo precedenteBlackrock studia fondi di investimento che escludano produttori di armi
Articolo successivoColtelli White River Knife & Tool, tre novità in arrivo dagli Usa
Giornalista professionista, lavora nel settore dell’editoria venatoria dal 2000. Si è occupata prima della rivista Cinofilia Venatoria, per poi passare alla redazione di Sentieri di Caccia (nel 2004), di cui è coordinatore editoriale e di redazione dal 2015. Sempre dal 2004 inoltre, anno dell’uscita del primo numero, lavora nella redazione del mensile Cacciare a Palla, di cui ha contribuito a realizzare il progetto editoriale affiancando Danilo Liboi. Dal 2009 è anche coordinatore editoriale e di redazione della rivista Beccacce che Passione. Per Editoriale C&C coordina la pubblicazione di monografie dedicate ad argomenti di interesse per il settore caccia e gestione faunistica e ambientale. Fa parte della redazione di CacciaMagazine e ArmiMagazine.it