Cacciatori senza diritto di replica in Rai

Rai

RaiVenerdì 7 settembre 2018, durante la trasmissione generalista di Rai 1 “Uno Mattina”, si è parlato di caccia e conservazione. Tra gli invitati c’era Matteo Brogi – caporedattore centrale di Editoriale C&C per le riviste di caccia e armi – a cui non è stato concesso uno spazio pari a quello offerto agli altri due ospiti in studio.

Questo il commento di Brogi: “Delusione. Rabbia. C’era un copione, non è stato rispettato. Era previsto un pacato contraddittorio, che non c’è stato. I conduttori che subito associano la caccia a una carneficina. Una trattazione superficiale che associa caccia italiana e caccia africana, caccia legale e bracconaggio. Luoghi comuni à gogo. Su tutto le solite immagini di copertura fuorvianti”.

Purtroppo la Rai non ha voluto dar voce ai cacciatori italiani, negando loro il diritto di replica e dimenticando che il suo dovrebbe essere un servizio pubblico e, pertanto, dovrebbe lasciar esprimere la propria opinione a chi decide d’invitare nelle sue trasmissioni.