4.5/5 (4)

 

Leupold VX-5Leupold ha introdotto nella sua gamma una nuova linea con un fattore zoom di “solo” 5x. La serie VX-5 offre tutto il meglio della produzione Leupold più recente e presenta una miglioria, la seconda versione della torretta balistica Custom Dial System (CDS), che ora guadagna la sigla ZL2 che sta per ZeroLock 2.

La nuova linea VX-5 è composta da un totale di sei modelli: 3-15×56, 3-15×44, 1-5×24, 2-10×42, questi ultimi due in allestimento con o senza torretta balistica. L’offerta va a coprire virtualmente tutti gli scenari operativi.

Nel corso del nostro test, effettuato in poligono, abbiamo utilizzato l’allestimento 3-15×56 HD. Il suo nome completo indica in maniera inequivocabile come monti lenti ad alta definizione e bassa dispersione. Le prestazioni sono garantite dal trattamento Guard-Ion, in grado di proteggere le lenti esterne dalla pioggia, dallo sporco e dai sempre possibili danni prodotti da un uso rude sul campo, e dal Twilight Max Light Management System, che garantisce invece minimi livelli di assorbimento della luce e ottime performance all’alba e all’imbrunire.

I tanti pregi della CDS LZ2

Leupold VX-5Interessantissima la torretta, che in due sole rotazioni consente di effettuare variazioni nell’intervallo di 38 Moa. Il campo di regolazione è comunque esteso a 75 Moa, sia in alzo sia in deriva, anche grazie al diametro del tubo, 30 millimetri. Ogni click corrisponde a una variazione di un quarto di Moa del punto d’impatto.

La torretta si può azzerare asportando e poi riposizionandone la copertura, e presenta un blocco al punto zero. Per spostarsi da questa posizione è necessario premere il pulsante di blocco, non può essere quindi un’azione involontaria. Una volta che la rotazione abbia passato il primo giro, il pulsante scompare dalla vista così da darne un’immediata conferma visiva.

La torretta, peraltro, può essere sostituita con quella personalizzata offerta gratuitamente da Leupold (e dal suo importatore italiano Paganini).

L’azzeramento è praticabile anche sulla torretta della deriva, semplicemente sollevandola e posizionando l’indice inciso sul tubo dell’ottica in corrispondenza dello zero della stessa (sistema PopUp Rezero). In questo caso, la torretta è coperta da un coperchio in alluminio a tenuta stagna.

La terza torretta è invece dedicata alla regolazione della parallasse e incorpora il pulsante per l’accensione, lo spegnimento e la regolazione del punto rosso. Successive pressioni consentono di regolare ciclicamente l’intensità del punto.

Il reticolo è del tipo che in Leupold è chiamato FireDot duplex. La circuitazione elettronica include un sensore di movimento che disattiva il sistema dopo 5 minuti di inattività.

Lo chassis del VX-5 è realizzato in alluminio aeronautico 6061-T6, sigillato e a tenuta stagna. Una miscela di gas inerte (argon e krypton) elimina la possibilità di appannamento delle lenti interne in caso di shock termico.

Leupold: ottiche garantite “senza limiti”

Per concludere, va evidenziata una caratteristica che raramente viene messa in evidenza. Il produttore fornisce a tutti i suoi prodotti una garanzia illimitata, anche in caso di cambi di proprietà. Prezzo Leupold VX-5HD 3-15×56 CDS-ZL2 1.538 euro.

© Matteo Brogi

Valuta questo articolo!

Lascia un commento