Home News Attualità Salvini firma l’impegno a favore dei detentori di armi

Salvini firma l’impegno a favore dei detentori di armi

4.6/5 (5)

Nel corso di Hit Show il capo politico della Lega ha sottoscritto il documento preparato dal Comitato Direttiva 477.

C’è anche la firma di Matteo Salvini, segretario federale della Lega, sotto il documento di impegno pubblico a difesa dei detentori legali di armi, dei tiratori sportivi, dei cacciatori e dei collezionisti di armi preparato dal Comitato Direttiva 477. Il testo del documento è consultabile su armimagazine.it.
© Stefano Guidi / Shutterstock.com

C’è anche la firma di Matteo Salvini, segretario federale della Lega, sotto il documento di impegno pubblico a difesa dei detentori legali di armi, dei tiratori sportivi, dei cacciatori e dei collezionisti di armi. Il documento, preparato da Comitato Direttiva 477 e già sottoscritto da Sergio Berlato e Maria Cristina Caretta, entrambi candidati alla Camera per Fratelli d’Italia nella circoscrizione proporzionale Vicenza 02, manifesta inequivocabilmente la volontà di tutela dei diritti, delle tradizioni e delle eccellenze italiane in pieno ossequio ai principi di libertà, responsabilità ed equilibrio.
Il Comitato Direttiva 477 parla della firma di Salvini come del “coronamento della collaborazione con un interlocutore attento come la Lega, sensibile alle nostre istanze non solo all’approssimarsi delle elezioni, a differenza di molti altri con cui abbiamo avuto contatti”. Dato però che CD-477 è un’associazione apartitica, il medesimo documento sarà a disposizione di tutti i candidati e di tutte le forze politiche che vorranno sottoscriverlo per manifestare pubblicamente il loro impegno.

Schmidt und Bender PolarT96

Valuta questo articolo!

19 commenti riguardo “Salvini firma l’impegno a favore dei detentori di armi”

  1. Non so’ nelle vostre questure ma qui a Bergamo trovano ogni appiglio per non rilasciare o rinnovare i vari “porto armi”…. ad esempio basta non aver pagato una multa o aver questioni con i confinanti. Dato che il rilascio è a discrezione del solo comandante ufficio armi, lui decide. Tu puoi fare ricorso ma anche se lo vinci la pratica sarà valutata dallo stesso che te l’ha respinta!

    1. No, non credo che sia per avere soldi. Dicono, in ambienti ben informati, che l’unione europea ha chiesto al nostro stato di diminuire fortemente il rilascio delle licenze di porto. Sembra che secondo loro in Italia ci siano troppe armi in mano ai cittadini…..forse hanno paura che il popolo insorga.

Comments are closed.