Home Trend Abbigliamento Lowa: con Laura e Marco una nuova sfida in Sudamerica

Lowa: con Laura e Marco una nuova sfida in Sudamerica

5/5 (2)

Lowa Laura e MarcoDopo aver concluso in soli cento giorni il cammino “Da Bergamo a Santiago contro il cancro”, un percorso di 2.300 km per raccogliere fondi per l’acquisto di strumentazione per la senologia, sempre con Lowa ai piedi Laura e Marco sono da poco ripartiti per una nuova sfida: questa volta in Patagonia.

Hanno intrapreso, prima coppia italiana, la Greater Patagonian Trail, un trekking non ancora segnato che rappresenta il più lungo cammino del Sudamerica collegando Ushuaia (Terra del Fuego, Argentina) con Santiago del Cile, attraversando la Patagonia e le Ande. Marco e Laura hanno deciso di cambiare vita una dozzina di anni fa. Ideatori del progetto “Cammina con noi”, amano le escursioni all’aperto e si affidano al marchio Lowa per coltivare la loro passione. Per questo questo nuovo avventuroso cammino, che ha lo scopo di sensibilizzare gli appassionati che li seguono su diversi temi ambientali, hanno scelto di affidarsi agli scarponi Lowa Camino GTX e Lowa Lady Night.

TAPPI ANTIRUMORE PER CACCIA/TIRO

Lowa Camino GTX: la scelta di Marco

Lowa Camino GTXLo scarpone Lowa Camino GTX è prodotto in esclusiva in Germania. La tomaia è in resistente pelle nabuk idrorepellente, fornita dalla conceria Heinen, un’azienda rinomata per la qualità dei propri pellami e per l’assoluto rispetto dell’ambiente durante la lavorazione della materia prima. La tecnologia Lowa Freeflex aumenta la flessibilità della tomaia in camminata, riducendo zone di pressione sul collo del piede e aumentando il comfort e la tenuta. La scarpa risulta impermeabile e traspirante, grazie all’utilizzo della fodera Gore Tex, che garantisce un microclima ideale all’interno della calzatura, proteggendo il piede anche durante il guado di un torrente o in situazioni di terreno bagnato. Il fatto di essere traspirante aiuta ad eliminare il calore e il sudore in forma di vapore acqueo, che si formano durante le lunghe camminate e gli sforzi prolungati. La suola in gomma Vibram Apptrail aumenta la presa anche nei passaggi più accidentati. L’ottimo grip è abbinato a un maggiore comfort e resistenza all’usura nel tempo.

Lowa Lady Night: la scelta di Laura

Lowa Lady NightIl modello Lady Night è indicato per chi si mette in cammino per un trekking particolarmente lungo o per un tour dei rifugi impegnativo. La comodità del piede è una priorità assoluta: questo è esattamente ciò che questo scarponcino da trekking, tecnico e facile da calzare, è in grado di offrire. È stato progettato tenendo presenti tutte le esigenze del piede femminile, dalla forma specifica del piede al gambale extra morbido, dalla parte posteriore ribassata che consente una maggiore libertà al polpaccio fino all’avampiede particolarmente spazioso. Una scarpa leggera,  tecnica e flessibile in pelle nubuck, realizzata con i moderni metodi di costruzione. Le cuciture estremamente ridotte nella zona dell’avampiede limitano al massimo i punti di pressione e di abrasione. Il sistema X-Lacing permette di personalizzare la calzata con una distribuzione uniforme della pressione, garantendo una calzata ferma e sicura. La suola Lowa Trac Lite assicura il migliore grip possibile e una buona rollata del piede sulle superfici più diverse. L’intersuola in poliuretano a due strati offre grande stabilità e un’ottima ammortizzazione. Inoltre, la fodera in Gore-Tex impermeabile e traspirante assicura una buona gestione della temperatura in qualsiasi condizione.

Lowa, Laura e Marco: insieme immersi nella natura

Durante la spedizione in Patagonia Laura e Marco saranno a stretto contatto con una natura meravigliosa e incontaminata: un patrimonio da rispettare e conservare. Il loro impegno per il rispetto del territorio è condensato nei principi del “leave no trace che cercheranno di applicare durante i mesi che trascorreremo in Patagonia.

Attraverso le loro foto e il loro diario di viaggio faranno conoscere a tutti gli appassionati, che li seguiranno… da lontano, questi luoghi remoti. La loro speranza è quella di stimolare e alimentare una corretta e rispettosa cultura ambientale. Bottiglie filtranti, fornelli pirolitici, pannelli solari con batterie ricaricabili, saponi biodegradibili e tecniche per ridurre l’impatto ambientale saranno tutti argomenti che si affronteranno in modo approfondito in modo che si possa iniziare a prenderli in considerazione nelle nostre micro-adventures.

Valuta questo articolo!

Lascia un commento