Home News Armi Nessun risarcimento se il porto d’armi è revocato senza motivo

Nessun risarcimento se il porto d’armi è revocato senza motivo

Non ci sono ancora valutazioni

Il Tar del Lazio ha stabilito che non è previsto un risarcimento in caso di revoca e poi di restituzione del porto d’armi.

Il Tar del Lazio ha stabilito che non è prevista alcuna forma di risarcimento se il porto d'armi è revocato e poi restituito.
© RomanR

Aveva chiesto un risarcimento di 26.880 euro perché il porto d’armi gli era stato revocato e poi restituito con tante scuse. Ma il Tar del Lazio ha risposto picche. E, anche se non fa giurisprudenza, per la giustizia amministrativa è un bel precedente. Perché, “tenuto conto dell’ampia discrezionalità di cui gode in materia l’amministrazione a tutela della pubblica sicurezza, non è ravvisabile né l’illegittimità dei provvedimenti impugnati né alcun coefficiente di colpa in capo alla stessa”.

Schmidt und Bender PolarT96

La storia: dai colpi mai esplosi alla revoca del porto d’armi, e ritorno

Nel settembre 2006 i carabinieri avevano contestato a un cittadino laziale l’esplosione di alcuni colpi d’arma da fuoco presso la sua abitazione estiva di Senatello di Casteldelci (allora Pesaro, ora Rimini). In realtà le esplosioni non erano state provocate da armi da fuoco, ma da alcuni giochi pirotecnici. L’uomo si era limitato a sparare contro alcuni barattoli con una carabina ad aria compressa. All’interno del proprio garage. Ma, nel corso della perquisizione, le forze dell’ordine avevano rinvenuto alcune munizioni per pistola acquistate il giorno precedente e non ancora denunciate. Nonostante che la scadenza sia fissata a quarantotto ore, i militari avevano deciso per il sequestro.

E da lì sono partiti contestualmente un procedimento penale e uno amministrativo. Che tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008 ha portato alla revoca del porto d’armi venatorio e sportivo. Ma nel 2008 l’uomo è stato assolto dal Tribunale di Pesaro, allora competente su Casteldelci prima del passaggio del territorio alla provincia di Rimini. E, facendo forza sull’assoluzione, col tempo l’uomo è riuscito a far cadere la revoca del porto d’armi. Quantificando in 20.000 euro i danni non patrimoniali (danno alla salute e alla vita familiare, “perché non aveva più potuto recarsi a caccia con il figlio minore”) e in 6.880 quelli patrimoniali (spese per il mantenimento del cane da caccia, spese per i viaggi verso l’armeria per depositare e poi ritirare le armi, spese legali per le consulenze amministrative e penali).

Non esistono danni esistenziali

Ma il Tar del Lazio ha stabilito che quei soldi non gli spettano. L’esito favorevole del procedimento penalenon inficia le valutazioni dell’amministrazione, autonomamente scaturenti dai fatti denunciati”. E l’ordinamento italiano non prevede la categoria del “danno esistenziale, inteso quale pregiudizio alle attività non remunerative della persona”. Non sono “meritevoli di tutela risarcitoria, invocata a titolo di danno esistenziale, i pregiudizi consistenti in disagi, fastidi, disappunti, ansie e in ogni altro tipo di insoddisfazione concernente gli aspetti più disparati della vita quotidiana che ciascuno conduce nel contesto sociale”. E dunque non rientra tra le voci risarcibiliil pregiudizio derivante dal non aver potuto svolgere un’attività ludica relativa al tempo libero, né può in alcun essere ascritto a tale limitazione l’eventuale peggioramento del rapporto con il figlio”. In cauda venenum: l’uomo deve pagare all’amministrazione metà delle spese di lite, quantificate in 1.200 euro.

Valuta questo articolo!

7 commenti riguardo “Nessun risarcimento se il porto d’armi è revocato senza motivo”

  1. Chiedo comprensione perché non la penso come Voi – ma il principio di diritto appare corretto. Invocare danni, quelli “esistenziali” poi … , non è il modo di affrontare la questione. Una fine misera, già scritta. Mi avevano detto che qualcuno su FB aveva asserito di cause vinte e soldi intascati. Ho chiesto di leggere le relative sentenze ma (chissà perché) NULLA è pervenuto.
    A mio parere un errore cagiona danni in casi limite; due esempi.
    1 – La GPG che perde il lavoro a causa di revoca della licenza, per motivi viziati da gravi errori: qui si potrebbe invocare il lucro cessante, in forse altre forme di danno (emergente, morale, non patrimoniale).
    2 – Attività commerciale chiusa per motivi insussistenti, viziati da gravi errori. Qui si potrebbe invocare il danno emergente e il lucro cessante. Ci si può infilare il danno non patrimoniale, a causa dello stress / preoccupazioni conseguenti a veder ridotta a zero l’unica fonte economica.

    “Chi ha sbagliato deve pagare” = giusto, allora si inizia un procedimento penale per abuso di ufficio et similia, ci si costituisce parte civile e si vede come va in quella sede – NON al TAR.

Comments are closed.