Home Caccia Attualità La caccia al centro del programma presidenziale di Fillon

La caccia al centro del programma presidenziale di Fillon

Non ci sono ancora valutazioni

La corsa all’Eliseo del leader de I Repubblicani passa anche dal sostegno dei cacciatori, ai quali è dedicata una parte rilevante del programma elettorale

C’è l’Europa, e ci stava, ma c’è anche la caccia nel programma elettorale di Francois Fillon. Il candidato del centrodestra all’Eliseo parla abbondantemente di tradizione e cultura venatoria.

Sabatti Saphire
La caccia al centro del programma elettorale di Fillon
Frederic Legrand – COMEO / Shutterstock.com

Nel programma del leader conservatore si sottolinea innanzitutto l’importanza economica della caccia. In Francia il settore crea 25.000 posti di lavoro e 2,5 miliardi di euro di valore. Fillon punta inoltre alla conservazione delle tradizioni venatorie, “parte integrante del patrimonio e della cultura” francesi. Limitando le competenze e i poteri in merito delle istituzioni europee.

Fillon, I Repubblicani e la caccia

Nel documento si sottolinea che i cacciatori francesi hanno istituito strutture forti ed efficaci nella gestione della caccia. E da loro passa anche l’attuazione di programmi di gestione della selvaggina. La confluenza delle federazioni dipartimentali nella FNC “ha permesso una notevole evoluzione delle conoscenze scientifiche per la gestione delle specie”. E così si sono rafforzate “sicurezza e controllo dei danni”. Tra le proposte del candidato dei Repubblicani figura anche il consolidamento dell’Ufficio nazionale per la caccia e la fauna selvatica (ONCFS), il cui bilancio è coperto dalle quote prelevate direttamente sulle licenze di caccia, e la sua separazione sostanziale dall’agenzia per la biodiversità.

I limiti della politica europea

Fin qui i temi interni alla politica francese. Poi arrivano le proposte in campo comunitario. E la parola d’ordine è sovranità nazionale. Fillon evidenzia infatti con la Direttiva uccelli in Francia si siano ridotti specie e periodi di caccia. Il candidato conservatore sostiene che ciò derivi dall’influenza dei Paesi del nord Europa, che hanno rigettato a priori le pratiche tradizionali francesi. E non può bastare la deroga a mantenerle. Ma la maggior parte delle limitazioni, si legge nel programma, si basa su criteri dettati dal sentimentalismo e non su concrete basi scientifiche. Fillon propone dunque di estromettere la Commissione Europea dalla competenza generale sulla caccia. E l’applicazione del principio di sussidiarietà può prevedere l’introduzione di deroghe specifiche.
È l’Europa, che “troppo spesso si intromette in ciò che dovrebbe essere responsabilità e competenza delle nazioni e delle regioni”, il vero Moloch dei Repubblicani. “Gli Stati devono ritrovare la capacità di decidere in tutti i settori che non rientrano strettamente nella politica europea, evidenzia Fillon.

Valuta questo articolo!