Home News Attualità Tentò di rubare carne e burro, Tar gli rende il porto d’armi

Tentò di rubare carne e burro, Tar gli rende il porto d’armi

1/5 (1)

Non è motivata la decisione del questore che aveva revocato il porto d’armi uso caccia a un cittadino trentino, condannato a una multa di 3.800 euro per il tentato furto di generi alimentari dal valore di una cinquantina d’euro.

Il tentato furto di generi alimentari non costituisce motivo sufficiente per la revoca del porto d'armi uso caccia: lo ha stabilito il Tar di Trento.
© Robert Kneschke

Ci hanno insegnato la meraviglia verso la gente che ruba il pane, ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame”. Chissà se sono appassionati di De André i magistrati del Tar di Trento che hanno accolto il ricorso di un cittadino al quale il questore aveva revocato la licenza di porto d’armi uso caccia dopo la condanna a 3.800 euro di multaper il reato di tentato furto di generi alimentari (sette confezioni di carne e tre confezioni di burro per un valore complessivo di 55,62 euro) all’interno di un supermercato, reato aggravato dall’esposizione dei prodotti alla pubblica fede”.

Rizzini

La giustizia amministrativa ritiene che il reato addebitato non appaia “di per sé significativo del pericolo di abuso delle armi”; anche perché non è stato commesso facendo uso delle armi e si è configurato come un episodio singolo, per di più “di particolare tenuità”. È ancora una volta l’applicazione della circolare rilasciata dal ministero il 5 settembre: se la pena detentiva è convertita in pena pecuniaria, non esiste automatismo nel diniego del porto d’armi.

Valuta questo articolo!

Lascia un commento